Il tè, una bevanda affascinante con millenni di storia alle spalle. SaporOsare ha incontrato la dottoressa Paola Agus, laureata in Chimica Farmaceutica e Tea Sommelier, per farsi raccontare tutte le sue meraviglie e i suoi segreti.

Brevi cenni storici sul tè

“Il tè nasce in Cina. I primi cenni dell’esistenza del tè come bevanda risalgono al 2700 a.C. circa e sono legati all’imperatore Shen Nung, erborista, padre dell’agricoltura cinese, della medicina tradizionale cinese e inventore dell’agopuntura.

Molteplici sono le leggende che raccontano come Shen Nung scoprì la Camellia Sinensis: una di queste narra che avesse l’abitudine di scaldare l’acqua prima di berla. Un giorno, seduto sotto un albero per riposare, si addormentò e una foglia cadde dentro il suo paiolo di acqua calda. Quando si svegliò, provò a bere l’infuso che si era accidentalmente prodotto e lo trovò delizioso. Era nato il tè!

La prima menzione scritta del tè risale al 200 a.C. circa e si ritrova in una Farmacopea cinese.

Nel corso dei secoli il tè ha rappresentato inizialmente una bevanda per il benessere mentale e corporale, in seguito è stato studiato e utilizzato per le sue proprietà medicinali e più tardi ha rappresentato un elemento di lusso e di distinzione di classe sociale.

La preparazione e il consumo del tè hanno attraversato varie fasi e mode a seconda delle dinastie (in Cina), delle esigenze culturali e climatiche. Per cui il tè è stato un macerato, un decotto e poi un infuso. Ma è stato anche (e lo è ancora in alcuni paesi come il Tibet, ad esempio) la base liquida di vere e proprie zuppe, con l’aggiunta di spezie, burro di yak, frutta, sale e molto altro.

Il tè arriva in Giappone nell’VIII sec d.C., grazie al monaco buddhista zen Eisai che, in Cina, si innamora del tè e lo diffonde con grandissimo entusiasmo e con enorme successo nel suo paese, per le molteplici proprietà benefiche.

In occidente il tè arriva durante la dinastia Ming (1368-1644) e assume gradualmente tutte le varie usanze che ancora conosciamo (Gran Bretagna, Russia, Marocco, per esempio).”

Le diverse tipologie di tè e i loro benefici

I tè sono classificati attraverso due criteri:

  1. A) CLASSIFICAZIONE CHIMICA: si distinguono tè ossidati, non ossidati e fermentati
  2. B) CLASSIFICAZIONE CROMATICA: tè neri, tè rossi, tè bianchi, tè verdi, tè gialli e tè blu-verdi.

La scelta del tipo di tè e la sua preparazione, ci dà la possibilità di avere un tè diverso a seconda del momento della giornata (più o meno caffeina), dell’umore, delle esigenze salutistiche o di eventuali controindicazioni.

In generale, possiamo dire che i tè hanno proprietà antiossidanti, antitumorali, antinfiammatorie, sono di grande ausilio nelle diete volte alla perdita del peso, al controllo del colesterolo, della glicemia e dell’ipertensione. Il tè aumenta la capacità di concentrazione, è infatti uno stimolante ma non un eccitante, al contrario del caffè. Migliora il sistema immunitario, aiuta la digestione e ci rende più belli grazie al suo effetto antinvecchiamento (è infatti utilizzato anche in cosmesi). Ogni classe di tè ha delle peculiarità e questi benefici sono più o meno accentuati a seconda del tipo di tè che decidiamo di acquistare.”

Come e perché si diventa Tea Sommelier

“La mia passione per il tè nasce “grazie” a un’intolleranza per il caffè. Per cui all’età di 17 anni, non potendo bere caffè, ho cominciato a bere il tè e come tutti, o quasi, sono partita dalle bustine per poi scoprire che il tè in foglia è un altro mondo. Ne ho quindi provati moltissimi, ho iniziato a leggere e studiare, mi sono appassionata finché mi è stato regalato, in occasione di un compleanno, un tavolino per il Gong fu Cha: in quel momento ho deciso che avrei dovuto imparare a usarlo e mi sono iscritta a un corso di formazione professionale presso Ademathè (Associazione Italiana Degustatori e Maestri di Tè) dove sono stata abbracciata da questo mondo e dove la mia formazione continua costantemente (ma non solo qui..!).

Prima di diventare tea sommelier bisogna, secondo la mia esperienza, riscoprire il gusto di godersi una tazza di buon tè con i tempi che questa richiede: non bere una tazza di tè, semplicemente, ma non farsi travolgere dalla fretta, ascoltare quello che accade quando tocchiamo e odoriamo le foglie del nostro tè, quando il liquido più o meno caldo o più o meno freddo permane nella nostra bocca e scivola lungo la nostra gola. Lasciamo che tutti i sensi, ormai sopiti e omologati dallo stress, dalla fretta, dai cibi industriali che appiattiscono i nostri recettori del piacere, esplodano. A questo punto si può cercare l’offerta formativa a noi più congeniale e cominciare un percorso davvero sorprendente che ci farà scoprire un mondo che con la classica bustina di tè non ha niente a che fare!”

Il tè e il suo cerimoniale

“La preparazione del tè rappresenta per me una vera e propria “coccola”, intanto per gli innumerevoli effetti benefici sulla salute, che rivolgo a me stessa se lo bevo da sola, a chi mi fa compagnia se la preparazione prevede la presenza di altre persone (parenti, amici o partecipanti agli eventi). In questo secondo caso, per me, è una grande soddisfazione riuscire a dare consigli sulla scelta del tè ma anche sul metodo di preparazione (ce ne sono davvero tanti) in base alle richieste o alle esigenze di chi ho accanto. Quello che cerco di trasmettere, durante i corsi, è la consapevolezza che ci sono tè adatti a chi non ama o ama molto la caffeina, o che sono più o meno ricchi di antiossidanti, che possono essere bevuti alla mattina per sfruttare al massimo l’energia che il tè regala o alla sera per non correre il rischio di affrontare una notte insonne, e così via.

Amo molto una frase, che lessi qualche anno fa, perché riassume il mio pensiero: “È strano come una teiera possa rappresentare, allo stesso tempo, il conforto della solitudine e il piacere della compagnia”.”

Gli eventi di Paola Agus

“A partire da settembre comincerò la mia collaborazione con la tea room/tea shop di Modena, “Il piacere del tè” in corso Adriano 11/B (corsi sul tè, dettagli sulla pagina fb e sul sito del punto vendita e sul mio profilo fb) e con il tea shop di San Giovanni in Persiceto ( Bo) “Orodorienthe” in via Roma 27 (degustazioni e corsi sul tè, dettagli sulla pagina fb del negozio e sul mio profilo fb).”

Link utili:

https://www.facebook.com/paola.agus.714

https://www.facebook.com/ilpiaceredelte/

https://www.facebook.com/OrodorienThe-San-Giovanni-in-Persiceto-1446992328690029/