Home IN EVIDENZA Montepulciano e il Nobile, una guida per “assaporare” il territorio

Montepulciano e il Nobile, una guida per “assaporare” il territorio

Una nuova Guida per un territorio.

La collana delle Guide di Repubblica Italia del Vino aggiunge un nuovo percorso del vino con un volume dedicato al Vino Nobile di Montepulciano Docg.

La Guida è stata presentata al Vinitaly 2019, a Verona, martedì 9 aprile e ha fatto registrare, nel suo primo giorno di disponibilità, ‘oltre 2mila volumi già venduti’. Ad annunciarlo, dallo spazio di Repubblica al Vinitaly, è stato il direttore delle Guide Giuseppe Cerasa. Il volume, disponibile in edicola a 6,90 euro più il prezzo del quotidiano, racconta l’area di produzione del vino Nobile di Montepulciano.

Un progetto, che nasce a tavola, così come ci spiega Giuseppe Cerasa, Direttore delle Guide di Repubblica: Noi eravamo lì durante la serata finale del concorso enogastronomico del Nobile, eravamo seduti a tavola in attesa di una montagna di pici fumanti, buoni come mai, pici d’autore prodotti in casa dalle massaie di Montepulciano, capaci di gareggiare con la bravura di qualsiasi altro chef professionista. Quella sera è nata la voglia di fare una Guida interamente dedicata al vino Nobile, una Guida targata Repubblica, in grado di mettere insieme arte, cultura, storia, architettura, vino, cibo, prodotti della terra, negozi e bellezze della natura. Quella sera abbiamo scoperto il fascino incredibile di una città scolpita da secoli nel cuore della Toscana, che ne esalta i pregi, esercitando una incredibile forza attrattiva nel confronti dei turisti e dei suoi ammiratori.’

La guida racconta l’area in cui viene prodotto il Vino Nobile di Montepulciano attraverso 10 itinerari che, per la gran parte, attraversano il borgo di Montepulciano nelle sue bellezze culturali, architettoniche, paesaggistiche ed enogastronomiche.

Si ripercorre la Val d’Orcia, Pienza e le zone toscane di eccellenza, si raccontano 73 i produttori della Docg.

Non mancano i consigli su cibo, luoghi in cui mangiare, dormire oltre che a dove acquistare ricordi del territorio, come artigianato e gastronomia locale. Se poi il vino lo volete assaggiare in enoteca allora potete trovare tutti i riferimenti con una sezione ad hoc all’interno della guida. E, per finire, sono presenti anche 10 ricette proposte dagli chef del territorio che includono un vino nella preparazione.

https://inedicola.gedi.it/prodotto/le-guide-di-repubblica/

Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano e alcuni dati sul Nobile.

La valorizzazione della zona viene portata avanti con rigore e fierezza dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano che a Vinitaly ha rinnovato lo stand, e ha presentato la situazione sul mercato del Vino Nobile di Montepulciano che nel 2018 si conferma all’insegna dell’export con una quota destinata all’estero pari al 78% di prodotto, mentre il restante 22% viene commercializzato in Italia. La Germania continua ad essere il primo mercato del Nobile con il 44% della quota esportazioni.

Successo anche per i mercati asiatici, balcanici ed extra Ue con oltre il 7% delle esportazioni.

Per quanto riguarda il mercato nazionale le principali vendite sono registrate in Toscana per il 48,5%. Al Nord è stato venduto il 14% del totale nazionale mentre nel restante centro-Italia sud e Isole il 15%.

Continua la tendenza di crescita degli ultimi anni la vendita diretta in azienda che nel 2018 ha raggiunto il 21%.

www.consorziovinonobile.it

L’etichetta consigliata.

Carpineto, Vino Nobile di Montepulciano, Riserva 2013.

Rosso rubino con riflessi granato, elegante e fine, bouquet che spazia da note di mammola fino a leggeri sentori di vaniglia, balsamici ed eterei; dal punto di vista gustativo sapidità ed acidità ci conquistano, un vino dalla carica avvolgente, di forte personalità con un tannino rilevante e raffinato.

L’abbinamento consigliato è con cacciagione, formaggi stagionati e piatti tradizionali toscani a base di carni lavorate.

www.carpineto.com

Raffaella Melotti per SaporOsare