di Nnedi Okorafor
edito Zona 42

TRAMA

Un boato nel cielo di Lagos. Qualcosa precipita nell’oceano al largo della costa della più popolosa e leggendaria città della Nigeria. Il mare brulica di nuova vita, e dal mare una nuova entità emerge per sconvolgere la vita del paese africano.

Adaora, biologa marina alla ricerca di stabilità, Anthony, rapper capace di incantare le folle e Agu, un soldato dallo spiccato senso di giustizia, si incontreranno proprio lì, sul mare: insieme dovranno confrontarsi con i segreti delle proprie esistenze per tentare di salvare il paese che amano in una forsennata corsa contro il tempo. Accompagnano Ayodele, la donna misteriosa arrivata da un luogo ignoto, giunta a Lagos per promettere un cambiamento epocale, mentre il caos si diffonde senza controllo tra la popolazione della città. (Fonte Zona42)

Nel libro di Nnedi Okorafor c’è Ultimatum alla Terra, con  Gort e Klaatu fusi in un unico personaggio Ayodele, e Dictrict 9 con tutta la sua protesta sociale.

Uno scorcio di una Nigeria reale e poco conosciuta.

Scoprire la Nigeria, il suo contesto sociale, le sue tradizioni, sbirciare oltre il velo che solo chi vi è nato può sollevare, ci permette di capire le persone, i migranti che approdano sulle nostre coste, che vivono nelle nostre città.

Ci permette di capire quel retroterra in cui sono cresciuti.

Il libro ci parla di tolleranza e della paura del diverso.

Di dover rimodellare le nostre prospettive per poter vivere in un mondo migliore.

In Laguna è centrale il tema tra diverso e bigottismo. Tra nuovo, gli alieni venuti dallo spazio, e tradizione rappresentata dalle divinità africane presenti dalla notte dei tempi nelle viscere di Lagos

Un libro dalla scrittura piacevole, veloce e pieno di riflessioni. Un libro di quelli che amo leggere, che mi ha spinto a immergermi nella tradizione Nigeria.

Da qui l’idea di preparare un classico della cucina dell’Africa settentrionale: il riso Jollof.

Il riso Jollof è un piatto unico piccante e pieno di sapore. La ricetta base prevede il pollo ma vista l’importanza che l’acqua ricopre in Laguna, ho pensato di variarla e di usare il nasello.

Laguna Jollof

Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 400 gr filetto di Nasello
  • 300 gr riso Thaiboled e Zizania palustris
  • 1 peperone rosso
  • 1 cipolla rossa
  • 10 pomodori pachino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 5 rametti di timo
  • 2 cucchiaini curcuma
  • 2 cucchiaini coriandolo
  • 2 cucchiaini cumino in semi
  • mezza radice di Zenzero
  • 2 peperoncini
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro
  • 1-2 bucchieri di brodo vegetale
  • olio evo

Istruzioni

  1. In una padella mettete l’olio d’oliva e fate rosolare il nasello dopo averlo tagliato in pezzi

  2. Lavate e tagliate la cipolla e il peperone. Togliete dalla padella i bocconcini di pesce e sostituiteli con la cipolla e il peperone. Lasciate cuocere le verdure per dieci minuti

  3. Quando la cipolla è dorata e il peperone leggermente appassito aggiungente tutte le spezie, lo zenzero tagliato a rondelle i pomodorini e la passata. Mescolate e lasciate insaporire per alcuni minuti

  4. Unite il nasello messo da parte, mescolate e poi aggiungete il riso

  5. Fate cuocere il tutto, aggiungendo man mano il brodo vegetale, finché il riso non è cotto

  6. Servite caldo